Nome:    Password:    Auto     
 15
 0
 1
16
feb
Qualcuno ha detto chiacchiere? Ecco la storia del dolce tipico di Carnevale

 
 
Frappe, bugie, cenci o chiacchiere. Tanti nomi per il dolce simbolo del Carnevale per antonomasia. Che tua nonna li intinga a mo’ di pinzimonio in 8kg di zucchero o che sforni 12 cabaret della sua cosiddetta versione lait, proprio non ce n’é: sono parte dei nei nostri cuori, della nostra infanzia, e dei cuscinetti adiposi.
 
Ogni regione ne ha una sua versione con tanto di ricetta e variazione di nome: dal Lazio alla Sicilia prendono il nome di Chiacchiere; in Liguria e Piemonte diventano Bugie e i vicini Toscani li chiamano Cenci. Ma non solo. Oltre a questi termini da tutti utilizzati in modo confusionario ne esistono altri: Guanti in Campania, Cunchielli in Molise, Cròstoli o Grostoli nel Polesine, Lattughe a Mantova e Brescia e in Sardegna Maraviglias o Meravigle (nome più che azzeccato!).
 
Le radici di questo dolce – e dei suoi nomi – si ritrovano nelle origini dello stesso: le Bugie o Frictilia risalgono ai tempi dell’Impero Romano che ne ha favorito la diffusione. L’impasto fatto di farina, uova, tagliato a striscette e fritto con strutto, era un dolce tipicamente invernale – visto l’apporto calorico – e veniva preparato in concomitanza di qualche festa pagana come i Baccanali o Saturnali, antesignani del Carnevale.
 
Ogni ricetta che si rispetti ha ovviamente le sue leggende. La più nota riguarda la sovrana Margherita di Savoia, colei che ci ha regalato la pizza, santa donna!  Si narra che un giorno, spinta dal languorino nel bel mezzo di una lunga conversazione a corte, chiese a un cuoco di preparare qualcosa di dolce e sfizioso per lei e gli ospiti. Insomma, tra una chiacchiera e l’altra, ecco che nacquero per l’appunto i dolci che tutti conosciamo.



condividi su facebook    Stampa veloce  crea pdf di questa news   
16
feb
Elezioni Regionali 2018 Lombardia | Tutti i candidati a presidente e tutte le liste e i partiti che si presentano
Sette candidati presidenti, diciannove liste. Ecco l'elenco per la "successione" a Roberto Maroni

Da sinistra in alto, in senso orario: Gori, Viola, Fontana, Gatti, Rosati, Arrighini e De Rosa
 
 
 
Elezioni regionali 2018, ecco i candidati presidenti. Scaduto il termine per presentare le liste alle elezioni regionali del 4 marzo 2018, sono sette i candidati presidenti che si sfideranno per la successione al leghista Roberto Maroni.
 
Ecco l'elenco con i partiti che li sostengono (19 liste in totale, alcune delle quali non si presentano in tutte le province lombarde).
 
Si vota dalle 7 alle 23, soltanto domenica; gli scrutini incominceranno alle ore 14 di lunedì 5 marzo.
 
Attilio Fontana (Lega)
Lega
Forza Italia
Fratelli d'Italia
Noi con l'Italia
Energie per la Lombardia
Pensionati
Fontana Presidente
 
Giorgio Gori (Pd)
Partito Democratico
Più Europa con Emma Bonino
Lombardia Progressista
Insieme
Civica Popolare
Obiettivo Lombardia
Lista Gori
 
Dario Violi
Movimento 5 Stelle
 
Onorio Rosati
Liberi e Uguali
 
Massimo Gatti
Sinistra per la Lombardia
 
Angela De Rosa
CasaPound
 
Giulio Arrighini
Grande Nord



condividi su facebook    Stampa veloce  crea pdf di questa news   
16
feb
Scelto il nome del Palalido di Milano, per cinque anni si chiamerà Allianz Cloud
Il gruppo assicurativo si è aggiudicato i diritti di naming per cinque anni in cambio di quasi due milioni di euro

Si chiamerà "Allianz Cloud", per richiamare la forma di nuvola che avrà qunado sarà stato completato, il futuro Palalido in piazzale Stuparich. Il gruppo assicurativo e finanziario si è aggiudicato il bando per i diritti di naming e sponsorizzazione. L'aggiudicazione è valida per sessanta mesi (cinque anni) dall'inaugurazione e ha un valore di 368 mila euro a stagione, per un totale di un milione e 840 mila euro
 
Dopo la Scala il Palalido: grazie ad Allianz per essere protagonista della nostra Milano", ha commentato il sindaco Giuseppe Sala riferendosi al fatto che Allianz è entrata da poco tra i soci fondatori del teatro. "Siamo lieti di confermare il nostro impegno per la città, sostenuto da importanti investimenti come la Torre Allianz a City Life e il recente annuncio di partnership col Teatro alla Scala", ha commentato l'ad Giacomo Campora: "Al di là del nostro ruolo sociale di assicuratori che accompagnano lo sviluppo delle imprese italiane, promuoviamo numerose iniziative di carattere sociale, sportivo e culturale, per restituire alla società civile parte dei benefici che abbiamo come grande impresa che opera nel contesto economico
 
Siamo prima di tutto soddisfatti perché l’aggiudicazione di oggi da parte di Allianz dei diritti per il naming del Palalido è un giorno molto importante. Ora ci prepariamo a concludere il cantiere e contiamo di poter inaugurare il nuovo palazzetto nel mese di maggio", ha spiegato Pierfrancesco Barletta, presidente di Milanosport. La storia del Palalido è stata travagliata: il nuovo impianto, in sostituzione del precedente, doveva essere pronto addirittura nel 2013, poi si sono accumulati anni di ritardi per i motivi più diversi. Ma ora sembra che i lavori siano ormai tornati spediti.
 
Il nuovo Palalido sarà un impianto per lo sport, lo spettacolo, la musica e i grandi eventi. Il Palalido entra nel gruppo di celebri impianti sportivi marchiati Allianz, tra cui lo stadio della Juventus a Torino. "Abbiamo lavorato con fervore per raggiungere questo obiettivo – ha detto l’assessore al Turismo, Sport e Qualità della Vita, Roberta Guaineri – siamo in grado di restituire alla città un impianto che mancava da tempo e lo facciamo anche avendo al fianco una grande azienda che, come noi, crede in questo progetto di infrastruttura sportiva, pensata come un impianto contemporaneo ed efficiente, a disposizione di una varietà amplissima di utenti"
 
Con una capienza massima di 5.347 spettatori, la struttura che sostituisce lo storico Palalido è stata pensata con un approccio moderno e una vocazione polifunzionale: ospiterà un ampio ventaglio di attività anche extra sportive, come concerti, fiere, conferenze, manifestazioni e convention. Al centro, rimarrà salda la vocazione sportiva del Palalido: un impianto estremamente versatile e adatto alla pratica di numerose discipline, tra le quali il basket, la pallavolo, la pallamano, lo sport per disabili in palestra, il tennis, il tennis da tavolo, il paddle, la ginnastica artistica, ritmica e similari, lo sport da ring e le manifestazioni relative alla danza.
 

fonte
http://www.milanotoday.it/sport/palalido-allianz-cloud.html



condividi su facebook    Stampa veloce  crea pdf di questa news   
13
feb
Il Comune approva le tariffe Tasi e Imu per il 2018: ecco quanto pagheranno i milanesi
Esenzione totale della Tasi per gli immobili destinati al servizio di mercato all'ingrosso

Le tariffe Tasi e Imu sul medesimo immobile restano invariate allo 0,08 per cento. Mentre l'aliquota di base Imu resta ferma all’1,06 per cento.
 
Lo ha deciso il Consiglio comunale - con 25 voti a favore e 7 contrari - che ha approvato i livelli tariffari di Tasi ed Imu per il 2018 inseriti nel piano IUC (Imposta Unica Comunale).
 
Nella delibera approvata è stata inserita l'esenzione totale della Tasi per gli immobili destinati al servizio di mercato all'ingrosso della città di Milano. Si tratta di immobili iscritti nella categoria catastale D e destinati al servizio di interesse generale di mercato all'ingrosso.
 
L'azzeramento dell'aliquota Tasi è prevista dalla legge 147/2013 secondo la quale "il Comune con deliberazione del Consiglio Comunale può ridurre l'aliquota sino all'azzeramento" e risponde al bisogno di favorire la promozione e il potenziamento delle attività nelle aree in questione.
 
Gli stessi immobili saranno invece soggetti all’Imu dello 0,76 per cento.



condividi su facebook    Stampa veloce  crea pdf di questa news   
02
feb
Panettone d'Oro 2018, i premiati: anche Figino nelle storie di solidarietà
L'edizione 2018 del premio a chi si cura dei più fragili e bisognosi

 
 
 
Svelati i nomi dei quaranta vincitori del premio "Panettone d'Oro 2018", riconoscimento ideato a metà degli anni '90 per valorizzare chi opera a favore delle categorie più deboli e per migliorare la qualità della vita nei quartieri più difficili. Nonostante il calo del senso civico dei milanesi, segnalato dal rapporto su Milano di Ipsos, sono comunque numerosi gli esempi di cittadini e associazioni che si prodigano per i più bisognosi e per il territorio.
 
Il premio gode della collaborazione di Comieco, Amsa e varie associazioni cittadine (Assoedilizia, Amici di Milano, Associazione SAO,Ciessevi, City Angels e Legambiente).
 
Tra i premiati, la storia di Fulvio Scaparro, psicologo e psicoterapeuta fondatore dell’Associazione GeA-Genitori Ancora, a sostegno dei figli e dei genitori nelle vicende separative e impegnato a favore della mediazione familiare in caso di conflitti, e di Francesco Basilico, meccanico che nei momenti liberi dedica il proprio tempo agli altri prestando servizio a Milano per distribuire coperte, cibo e bevande ai senzatetto e raccoglie nella propria officina vestiti di seconda mano da donare ai più bisognosi.
 
Non mancano poi progetti contro lo spreco alimentare, come il progetto "Educazione alimentare e lotta allo spreco" della scuola primaria Maria Cristina Luinetti Cesate (classe 5°D) seguito dalla proposta al Sindaco di Cesate Giancarla Marchesi per un’iniziativa anti-spreco a favore delle famiglie in difficoltà della zona e a salvaguardia dell’ambiente; fra gli altri premiati, progetti per la valorizzazione di aree e quartieri milanesi e attività di impegno contro le organizzazioni criminali mafiose.
 
La cerimonia ufficiale di premiazione, aperta al pubblico, avverrà sabato 3 febbraio alle ore 9,30 presso l’auditorium Fondazione Cariplo in Lago Gustav Mahler, Milano.
 
Alcuni dei premiati

Alessandra Amato - Da tanti anni va nei centri di accoglienza, portando a sue spese un impianto audio che usa per cantare, far cantare e ballare i senza tetto. Dialogando con le persone presenti le aiuta a riconoscere, affrontare e a volte superare quei blocchi psicologici che la vita ha prodotto in loro.

Walter Cherubini - Da 20 anni si dedica con attenzione alla condizione complessa e strategica delle periferie, sempre attivo nella costruzione di collaborazioni e percorsi che superino la frammentazione degli intenti e degli interventi delle varie energie presenti in Città. Conoscendo i tanti problemi delle periferie, organizza con la Consulta Periferie Milano diffuse azioni interdisciplinari, anche socio-culturali, e con il Tavolo Periferie Milano propone soluzioni per le tematiche organizzative e burocratiche.

Rosanna Luviè - Mamma e nonna molto impegnata, trova però il tempo per mettere in scena spettacoli con la compagnia di teatro amatoriale «I sogni son desideri» di San Giuliano Milanese, portando il sorriso e un divertimento sincero alle fasce fragili della popolazione: i disabili, i poveri, gli emarginati. Il ricavato degli spettacoli viene destinato a progetti a favore di persone in difficoltà e organizzazioni Onlus.

Mohamed Nou Moukett - Giovane ospite di una comunità protetta a Figino, è intervenuto prontamente a soccorrere un'anziana signora aggredita da due persone che la stavano trascinando dopo averla incappucciata. Rilevante esempio di assunzione di responsabilità, solidarietà, efficace aiuto e senso di cittadinanza.
 
Volontari di Allegro Moderato - Numerosi volontari operano nell'orchestra sinfonica e nel coro di Allegro Moderato, una cooperativa sociale con un’esperienza ventennale, e insieme a musicisti professionisti con la musica riescono a dare una risposta efficace a molte persone con disagio psichico e mentale.
 

 
 



condividi su facebook    Stampa veloce  crea pdf di questa news   
Vai a pagina       >>